INTERVISTA TC - Dg Fermana: "Pragmatici per evitare altri passi falsi"

di Valeria Debbia
Fonte: Dai nostri inviati in Lega a Firenze, Claudia Marrone e Marco Pieracci
Vedi letture
Fabio Massimo Conti
Fabio Massimo Conti

Presente a Firenze in occasione dell'Assemblea di Lega Pro, Fabio Massimo Conti, direttore generale della Fermana, ha tracciato ai microfoni di TuttoC.com un bilancio della stagione gialloblù per poi proiettarsi al rush finale di campionato: "E' un bilancio positivo, resta il rammarico per i tanti infortuni avuti negli ultimi due mesi. E' chiaro che questo non deve diventare una scusante. Non dobbiamo abbassare la guardia perché ultimamente fuori casa stiamo facendo un po' fatica. Ieri abbiamo giocato bene solo il primo quarto d'ora, abbiamo avuto un ottimo approccio ma poi ci siamo abbassati troppo e abbiamo pensato solo a difenderci. In determinate partite è possibile farlo, ma non contro la Triestina che è il miglior attacco del campionato. E' normale poi tornare a casa con le ossa rotte. Dobbiamo cambiare questo atteggiamento perché ci restano tre partite contro squadre che cercano sempre di giocare, soprattutto l'Imolese sabato e quella successiva a Monza. Saranno partite simili a quella di Trieste e dobbiamo quindi rivedere qualcosa in vista dell'ultima di campionato, il derby con la Samb, che potrà essere decisiva per il posizionamento nella griglia playoff che ancora non sono matematici".

Anche se i playoff ancora non sono certi, la squadra ha dimostrato di potervi dire la sua.
"Penso che non sia un caso che abbiamo vinto almeno una delle due partite contro le prime tre classificate. Abbiamo valori importanti ma dobbiamo fare un po' quadrato perché le tante assenze iniziano a farsi sentire. I ragazzi che sono scesi in campo nelle ultime gare hanno dato filo da torcere agli avversari. Dobbiamo cercare di essere pragmatici per evitare passi falsi come quelli di ieri".

Può tracciare un bilancio di questi primi mesi di gestione Ghirelli alla Lega Pro?
"Il campionato per il neopresidente è stato difficile per l'eredità che si è trovato e che ha dovuto affrontare. Noi abbiamo subito indirettametne le conseguenze, perché nel nostro girone non è successo niente di strano fortunatamente. Ma è un discorso che non significa nulla, perché il sistema a livello di Lega Pro necessita di interventi, visto l'accaduto a Matera, Pro Piacenza o le situazioni che vivono Lucchese e Cuneo. C'è tanto lavoro da fare per avere stabilità maggiore, bisogna rivedere le regole ove necessario e avere contribuzioni maggiori noi come società per affrontare i campionati in modo più sereno dal punto di vista economico".