Armando Anastasio: le fucilate da lontano a servizio del Monza

di Sebastian Donzella
Vedi letture
Foto

Un ritorno in Serie C per riprendersi prima la B e poi la A. Armando Anastasio, in terza serie, è tornato dopo le esperienze da giovanissimo con Padova e Albinoleffe solamente perché richiamato dal Monza. Il classe '96 di proprietà del Napoli da sempre è stato un predestinato. A 14 anni lo voleva il Liverpool ma il club partenopeo lo blindò. Al punto da essere ancora tesserato con gli azzurri.

E l'anno scorso ha ottenuto la promozione in massima serie indossando la casacca del Parma. A mancare è stata la consacrazione nella prima parte dell'attuale stagione: con il Cosenza, però, non è stato tutte rose e fiori. Anzi: solamente tre spezzoni in tutto il girone d'andata, meno di un'ora in totale. Poco, anzi pochissimo, per un giocatore in cerca di continuità.

Così, a gennaio, è arrivato il trasferimento al club brianzolo. Da lì una rapidissima ascesa: sedici presenze in campionato con due reti spettacolari. O, per meglio dire, due fucilate da tre punti a testa. La prima contro la Sambenedettese a tempo scaduto, la seconda contro il Fano. A testimonianza di come sia un esterno basso così completo da far del tiro una delle sue armi migliori. Difficile, insomma, pensare di rivederlo dopo l'estate in Lega Pro. Chissà se sarà ancora al Monza, magari in Serie B.


Altre notizie