Arezzo, Dal Canto: "Ci servirebbe qualche figlio di buona donna"

di Alessio Lamanna
articolo letto 624 volte
Foto

Altro snodo importante per l'Arezzo, che domani andrà a caccia di punti pesanti contro la Juventus U23. Ma in casa amaranto è ancora vivo il ricordo degli ultimi due pareggi subiti in rimonta: "Dobbiamo diventare una squadra che porta a casa partite che si incanalano come le ultime due", ha detto oggi mister Dal Canto. "Non deve passare il messaggio per cui va bene così. La squadra domani deve essere tranquillamente emotiva perché se diventiamo preoccupati non siamo più noi stessi. Le nostre disattenzioni sono migliorabili. La soluzione? Siamo una squadra formata da bravi ragazzi. Ogni tanto forse servirebbe qualche figlio di buona donna. In formazione cambierà sicuramente qualcosa, dati i rientri. Schiererò la squadra migliore possibile, anche perché il nostro avversario tra tutte le squadre che abbiamo incontrato che gioca con il 3-5-2 è quello che gioca meglio. Non viene qua una squadra in difficoltà, ci aspettiamo una partita difficile. Tra noi e la Juventus dal punto di vista tecnico e fisico non c’è grande differenza”.

Una battuta anche sul tema delle squadre B in Serie C: “Non mi sono fatto un’idea. Ho visto che è un argomento di discussione continuo della Lega, certo che farla con una squadra sola non mi sembra una grande soluzione”. 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy