L'Almanacco del giorno - News, trattative e retroscena del 15/4

di Sebastian Donzella
Vedi letture
Foto

Giornata ricchissima di novità quella appena terminata in Serie C. A cominciare dall'Assemblea di Lega Pro, con il patron della terza serie, Francesco Ghirelli, che ha svelato la grande novità della prossima stagione: "Ci vuole un atto di coraggio partendo da un presupposto: non deve esserci nessuna limitazione di età ma l’introduzione di una lista con un massimo complessivo di 6 calciatori per ogni club (ai fini del calcolo del minutaggio fanno parte le prestazioni sportive di 4 calciatori  per gara), il cui tesseramento sia a titolo di cessione o trasferimento temporaneo da parte di società di A e B una soglia di minutaggio minima e una massima per ogni gara per l’accesso alla contribuzione. Questo cambiamento radicale va incontro alle varie esigenze dei club. Chi investirà nella rosa dei calciatori senza impegnarsi nello sviluppo della mission non avrà diritto alla contribuzione legata al minutaggio, mentre chi investirà sui giovani, facendo giocare i propri, e un numero selezionato di calciatori prestati dalle serie maggiori, si vedrà riconosciuta una contribuzione più consistente. Le società valuteranno in questi mesi eventuali azioni da porre in essere, prima dell’inizio della prossima stagione, qualora le risorse necessarie ad attuare compiutamente la mission giovani non venissero loro riconosciute”.

In serata, invece, è stato il turno del posticipo del Girone B tra Imolese e Feralpisalò: 3-1 il risultato a favore dei rossoblù, con le reti di Lanini e Mosti nel primo tempo, il gol gardesano di Pesce a inizio ripresa e il tris firmato Carraro al 90'. Il team romagnolo sale così al quarto posto in classifica, a quota 57, a una sola lunghezza dai lombardi, adesso sull'ultimo gradino del podio.

In chiusura da sottolineare la stangata del Giudice Sportivo nei confronti di Luca Lulli, centrocampista del Fano, "per aver colpito volontariamente, per due volte, con un calcio alla schiena un avversario disteso a terra, dopo il termine della gara".